Ingresso abbonati

Username:  
Password:      

Le banche dati di Westminster
(Attualmente sono presenti 84.897 documenti)
  

>> Ricerca avanzata   >> Chiedi a noi

Prima Pagina

18/01/2022

Emergenza Coronavirus

OMS: 16 gennaio - COVAX sta guidando la più grande operazione di approvvigionamento e fornitura di vaccini della storia, con consegne fino ad oggi in 144 paesi. Al 13 gennaio 2022, su 194 Stati membri, 36 Stati membri dell'OMS hanno vaccinato meno del 10% della loro popolazione e 88 meno del 40%. (segue)

14 gennaio - L'OMS ha raccomandato due nuovi farmaci per COVID-19, fornendo ancora più opzioni per il trattamento della malattia. Il primo farmaco, baricitinib, è fortemente raccomandato per i pazienti con COVID-19 grave o critico. Fa parte di una classe di farmaci chiamati inibitori della Janus chinasi (JAK) che sopprimono la sovrastimolazione del sistema immunitario. L'OMS raccomanda che venga somministrato con corticosteroidi.

L'OMS ha anche raccomandato condizionalmente l'uso di un farmaco anticorpo monoclonale, il sotrovimab, per il trattamento del COVID-19 lieve o moderato in pazienti ad alto rischio di ricovero. Ciò include i pazienti più anziani, immunocompromessi, con condizioni di base come diabete, ipertensione e obesità e quelli non vaccinati. (Segue)

11 gennaio - Dichiarazione provvisoria sui vaccini COVID-19 nel contesto della circolazione della variante Omicron SARS-CoV-2 del gruppo consultivo tecnico dell'OMS sulla composizione del vaccino COVID-19 (TAG-CO-VAC) Interim statement on COVID-19 vaccines in the context of Omicron -

Europa

EMA: 12 gennaio – Il 12 gennaio, le autorità di regolamentazione di tutto il mondo hanno discusso la risposta normativa globale alla variante COVID-19 Omicron durante un seminario, co-presieduto dall'Agenzia europea per i medicinali (EMA) e dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense sotto l'egida del Coalizione internazionale delle autorità di regolamentazione dei medicinali (ICMRA). L'obiettivo della riunione era di rivedere le prove disponibili per l'efficacia dei vaccini COVID-19 approvati contro la variante Omicron e raggiungere l'allineamento sui requisiti normativi chiave per supportare lo sviluppo di un possibile vaccino adattato. (segue)

11 gennaio - Dati preliminari indicano che i vaccini COVID-19 rimangono efficaci contro malattie gravi e ospedalizzazioni causate dalla variante Omicron (segue)

ECDC: 13 gennaio – Mappe aggiornate del rischioTutta l’Italia in marrone scuro

13 gennaio – Omicron variant of concern (VOC) – settimana 2 (dati al 13 gennaio 2022)

Italia

Governo: Emergenza sanitaria - Faq Governo aggiornate al 11.1.2022

Report vaccini anti Covid-19 aggiornato al 17.1.2022

FAQ - Certificazione verde COVID-19EU digital COVID certificate

Agenas: Rapporto Covid aggiornato al 16.1.2022

Salute: aggiornamento dei dati al 16 gennaio 2022 

QS: 14 gennaio – Covid. Oggi 186.253 nuovi casi e 360 decessi. Salgono ancora i ricoveri in ospedale - Il totale dei tamponi (tra molecolari e rapidi) è di 1.132.309 (ieri 1.181.179) con un rapporto positivi tamponi del 16,4% (rispetto al 15,6% di ieri). La regione con più casi odierni è la Lombardia (+33.856) seguita da Emilia Romagna (+20.346), Campania (+20.206), Veneto (+18.357), Lazio (+15.307), Piemonte (+14.609), Toscana (+11.859) e Sicilia (+10.023).

QS: 13 gennaio – Covid. Oggi 184.615 nuovi casi e 316 decessi. I contagi totali da inizio pandemia superano gli 8 milioni e i morti i 140 mila - Il totale dei tamponi (tra molecolari e rapidi) è di 1.181.179 (ieri 1.190.567) con un rapporto positivi tamponi del 15,6% (rispetto al 16,5% di ieri). La regione con più casi odierni è la Lombardia (+39.683) seguita da Campania (+24.451), Emilia Romagna (+20.648), Veneto (+17.956), Piemonte (+14.741), Toscana (+13.151), Sicilia (+11.354) e Lazio (+10.272). Leggi...

QS: 12 gennaio – Covid. Oggi 196.224 nuovi casi e 313 decessi. In calo le terapie intensive - Il totale dei tamponi (tra molecolari e rapidi) è di 1.190.567 (ieri 1.375.514) con un rapporto positivi tamponi del 16,5% (rispetto al 16% di ieri). La regione con più casi odierni è la Lombardia (+41.050) seguita da Campania (+27.034), Veneto (+19.811), Emilia Romagna (+18.631), Piemonte (+17.147), Toscana (+13.341), Sicilia (+13.048), e Lazio (+12.027). 

QS: 11 gennaio – Covid. Oggi un nuovo record: 220.532 nuovi casi e 294 decessi. Continua aumento ricoveri - Il totale dei tamponi (tra molecolari e rapidi) è di 1.375.514 (ieri 612.821) con un rapporto positivi tamponi del 16% (rispetto al 16,6% di ieri). La regione con più casi odierni è la Lombardia (+45.555) seguita da Campania (+30.042), Veneto (+21.504), Emilia Romagna (+20.595), Piemonte (+18.607), Toscana (16.290), Sicilia (+13.231), e Lazio (+12.788). 

Governo: 10 gennaio - Si è tenuta, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio, la conferenza stampa del Presidente del Consiglio Draghi sugli ultimi provvedimenti anti-Covid adottati dal Governo. Sono intervenuti i Ministri della Salute Speranza e dell’Istruzione Bianchi e il coordinatore del Cts Locatelli.

Salute: 14 gennaio - Monitoraggio settimanale Covid-19, report 3-9 gennaio 2022 - Cresce ancora l'incidenza, 1990 casi su 100mila abitanti, in salita anche l' Rt , 1,56. Il tasso di occupazione dei posti letto in area media e in terapia intensiva è rispettivamente 27,1% e 17,5%. La variante omicron, anche se meno virulenta, è estremamente contagiosa e può determinare una congestione delle strutture ospedaliere. È necessario mantenere comportamenti prudenti e fare la vaccinazione di richiamo

14 gennaio - Andamento della mortalità giornaliera (SiSMG) nelle città italiane in relazione all’epidemia di Covid-19 - 1 gennaio 2021 - 4 gennaio 2022

ISS: 14 gennaio - Covid-19: flash survey Iss, il 3 gennaio l’81% dei campioni positivi a Omicron - In Italia il 03 gennaio scorso la variante Omicron era predominante, con una prevalenza stimata all’81%, con una variabilità regionale tra il 33% e il 100%, mentre la Delta era al 19% del campione esaminato. Sono questi i risultati definitivi dell’indagine rapida condotta dall’Iss e dal Ministero della Salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler.  Per l’indagine è stato chiesto ai laboratori delle Regioni e Province Autonome di selezionare dei sottocampioni di casi positivi e di sequenziare il genoma del virus.

14 gennaio - Covid-19: i dati principali del monitoraggio della Cabina di Regia - Ecco i dati principali emersi dalla cabina di regia: ÔŚĆ    L’incidenza settimanale a livello nazionale continua ad aumentare: 1988 ogni 100.000 abitanti (07/01/2022 -13/01/2021) vs 1669 ogni 100.000 abitanti (31/12/2021 -06/01/2021), dati flusso ministero Salute. ÔŚĆ    Nel periodo 22 dicembre 2021 – 4 gennaio 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,56 (range 1,24 – 1,8), in ulteriore aumento rispetto alla settimana precedente e ben al di sopra della soglia epidemica.

13 gennaio - COVID-19 - La definizione di caso: perché la sorveglianza dovrebbe includere tutti i positivi -  L’importanza di monitorare i casi attraverso la sorveglianza non va confusa con i criteri con cui si decidono le indicazioni per casi e contatti. In queste FAQ sono sintetizzate le principali risposte relative alle definizioni di caso ai fini della sorveglianza epidemiologica e alle modalità per definire le misure di auto-sorveglianza, quarantena e isolamento Perché la definizione di caso di sorveglianza deve contenere i positivi e non solo i casi con sintomatologia più indicativa di COVID-19 (sintomi respiratori, febbre elevata, alterazione gusto e olfatto etc....

11 gennaio – Faq -Tasso di Incidenza per stato vaccinale e per diversa gravità della malattia da Covid-19: come si calcola - Ecco come vengono ottenute le incidenze riportate settimanalmente dall’Iss 11 gennaio 2021 - Qual è l’incidenza settimanale di diagnosi, ricoveri e decessi per Covid? Ogni settimana l’Iss pubblica le incidenze aggiornate, suddivise per età e status vaccinale, nel cosiddetto ‘report epidemiologico esteso’. All’interno sono presenti due tabelle, una con i ‘numeri grezzi’ relativi all’epidemia e una con i tassi di incidenza standardizzati per età e l’efficacia vaccinale aggiustata per età. Come si calcola l’incidenza? Per il calcolo delle incidenze non è possibile utilizzare le numerosi...

AIFA: 14 gennaio – AIFA: non esistono antibiotici efficaci per il COVID-19 - In merito alle recenti notizie di stampa relative alla carenza dell’azitromicina anche a seguito del suo utilizzo eccessivo e improprio per il COVID-19, AIFA precisa che l’azitromicina, e nessun antibiotico in generale, è approvato, né tantomeno raccomandato, per il trattamento di COVID-19.

13 gennaio - Monitoraggio anticorpi monoclonali per COVID-19: pubblicato il quarantunesimo report

Commissario emergenza: 14 gennaio – Campagna vaccinale: nell'ultima settimana oltre 4,5 milioni di somministrazioni, 1,5 milioni in più rispetto alla precedente - Numeri in crescita per la campagna vaccinale nazionale, che nella settimana 7-13 gennaio ha fatto registrare oltre 4,5 milioni di somministrazioni, 1,5 in più rispetto alla settimana precedente con una media di oltre 650 mila somministrazioni al giorno.

12 gennaio – Campagna vaccinale record: Ieri oltre 686mila somministrazioni - Continua il trend positivo di prime dosi e booster: ieri oltre 686 mila somministrazioni, con circa 77.500 prime dosi - di cui 48 mila bambini - e 22.500 prime dosi per over 50. Quasi 550 mila le terze dosi.

11 gennaio – Vaccini: in arrivo 4 milioni di dosi - Sono circa 4 milioni le dosi di vaccino che verranno distribuite alle Regioni/Province autonome nel periodo compreso tra il 12 e il 14 gennaio. In particolare saranno consegnati circa un milione di dosi di Moderna, 2,1 milioni di Pfizer per adulti e oltre 800 mila di preparato pediatrico Pfizer.

Conferenza Regioni: 13 gennaio - Pandemia: definizione di caso Covid va cambiata

14 gennaio -  Pandemia: Bonaccini, Emilia-Romagna sperimenta autotest

Scuola, pandemia e vaccinazioni

Regioni: 12 gennaio - Conferenza delle Regioni: Emiliano (Regioni), nessuna decisione su didattica nelle scuole o criteri ordinanze

Roma, 12 gennaio 2022 (comunicato stampa) “La Conferenza delle Regioni non ha preso alcuna decisione, né approvato alcun documento sulla ripresa dell’attività didattica nelle scuole o sui criteri delle ordinanze”, lo afferma il vicepresidente della Conferenza delle Regioni, Michele Emiliano (Presidente della Puglia) che oggi ha presieduto la riunione.

“Sono stati affrontati – spiega Emiliano - nell’ambito di una discussione generale diversi temi legati all’esigenza di rendere più efficace la collaborazione fra il Governo e le Regioni e ciascuno ha potuto liberamente esprimere il proprio pensiero rispetto a diversi aspetti che caratterizzano tale rapporto. Ma non è stata tratta – conclude Emiliano - alcuna conclusione dal dibattito rispetto al quale abbiamo invece deciso un approfondimento ulteriore in una prossima riunione della Conferenza delle Regioni”.

Pandemia: semplificare procedure per asintomatici vaccinati

Stato-Regioni: Cts valuta nuovo protocollo Covid per il calcio

Trasporto pubblico locale: Berrino (Liguria), portare capienza autobus all'80% anche in zona arancione

ToscanaRifiuti Covid, via a nuovo sistema di raccolta. Giani: “Semplificazione per i cittadini”

NAS: 10 gennaio - (Emergenza coronavirus) Carabinieri NAS: contestate 42 sanzioni per mancata vaccinazione di operatori presso strutture per anziani

(Emergenza coronavirus) Carabinieri NAS Latina: sequestrati 12 mila tamponi COVID-19 irregolari

Garante Privacy: Sono disponibili due nuove FAQ (nn. 14 e 15) in tema di trattamento dati in ambito scolastico, relative ad alcuni profili in materia di protezione dei dati personali derivanti dall’applicazione del decreto legge n. 1/2022, con particolare riferimento alla gestione dei nuovi casi di positività e ai dati che devono essere forniti per usufruire dei test antigenici rapidi Covid-19 gratuiti o a prezzi calmierati.

ANCI LiguriaObbligo vaccinale, greenpass base e rafforzato, trasporti, divieti, quarantena: la presentazione aggiornata, a cura di Anci Liguria, contenente una sintesi degli ultimi provvedimenti nazionali e regionali in vigore

TAR: Ordine alla Asl di somministrare, come prima dosa, il vaccino di marca Pfizer - Tar Bologna, sez. II, dec. ante causam, 10 gennaio 2022, n. 7 – Pres. Migliozzi

Tar Sicilia-Catania, sez. III, decreto n. 13 del 13 gennaio 2021: È illegittima l’ordinanza contingibile e urgente adottata da un sindaco con la quale lo stesso ha ordinato, al fine di contenere il rischio di contagio da Coronavirus, la sospensione delle attività didattiche in presenza negli Istituti comprensivi e scolastici pubblici, privati e paritari di ogni ordine e grado, ivi compresi gli asili nido, micronido, sezioni primavera e gli asili a casa, disponendo che durante il suddetto periodo di tempo gli Istituti scolastici sono tenuti a garantire lo svolgimento delle attività didattiche mediante la DID o la DAD. (segretarientilocali)

Tar Catanzaro, sez. II, ord., 13 gennaio 2022, n. 7 – Pres. Iannini, Est. Tallaro - Obbligo di vaccinazione degli infermieri

Commenti e Ricerca

GIMBE: 13 gennaioCoronavirus: in una settimana +4.155 ricoveri (+31,2%), +285 terapie intensive (+20,5%), 1.514 decessi, (+37,4%). I nuovi casi superano 1,2 milioni (+49%). Vaccini: in 7 giorni oltre 4 milioni di somministrazioni, ma solo 73.690 prime dosi over 50. Le misure sono insufficienti per frenare la salita dei contagi e il sovraccarico degli ospedali rinvia la cura di altre malattie - Il monitoraggio della fondazione GIMBE rileva, nella settimana 5-11 gennaio, un aumento del 49% dei nuovi casi con incidenza che in 56 province supera i 2.000 per 100.000 abitanti. Continua a crescere la pressione sugli ospedali, sia in area medica (+32,2%) che in terapia intensiva (+20,5%). Oltre 8,6 milioni di persone senza nemmeno una dose di vaccino, di cui quasi 3 milioni nella fascia 5-11 anni. Terze dosi: tasso di copertura al 61,5% con rilevanti differenze regionali. L’enorme quantità di nuovi casi, “incontrando” una popolazione suscettibile troppo numerosa, sta progressivamente saturando gli ospedali. Di conseguenza, molte regioni si avviano verso la zona arancione entro fine mese, ma soprattutto si riducono le possibilità di cura per i malati non covid.

ALTEMS: 13 gennaio – Instant REPORT#80 Report - Executive Summary

Ospedale Niguarda: 13 gennaioEfficacia della vaccinazione anti-COVID-19 nei pazienti oncologici in terapia: i dati di Niguarda su European Journal of Cancer. Online i risultati dello studio SINFONIA-V: grazie alla vaccinazione il 94% dei malati in chemioterapia sviluppa anticorpi contro SARS-CoV-2

Moderna: 10 gennaio - Moderna announces advances across its industry-leading mrna pipeline and provides business update

20 dicembre 2021 - Moderna announces preliminary booster data and updates strategy to address omicron variant

Nature: 13 gennaio - I vaccini a virus inattivato, stabili e relativamente facili da produrre, come Sinovac e Sinopharm, contengono particelle di SARS-CoV-2 trattate chimicamente per impedire l’infezione. Secondo gli studi citati dalla rivista Nature, molte delle persone che hanno ricevuto due dosi di uno dei due vaccini non riescono a produrre anticorpi in grado di contrastare Omicron e dopo una terza dose i livelli di anticorpi neutralizzanti tendono a rimanere bassi. Questi risultati, si legge, stanno spingendo molti scienziati e ricercatori a rivalutare il ruolo dei vaccini a virus inattivato nella lotta globale contro il Covid.

AOPI: 13 gennaio - Pazienti pediatrici Covid, al via il monitoraggio di Aopi: il 76% dei bambini ricoverati non è vaccinato - Il 76% dei ricoveri in area medica tra i 5 e i 18 anni riguarda pazienti non vaccinati. E il 69% dei ricoveri in area intensiva dei piccoli fino a 4 anni riguarda bambini che hanno genitori non vaccinati. Sono questi alcuni dei dati più significativi che emergono dalla rilevazione di Aopi, l’Associazione degli Ospedali pediatrici italiani, che ha attivato un sistema di monitoraggio settimanale dei pazienti Covid – bambini e adolescenti – ricoverati sia in area medica che in area critica. La raccolta dati, effettuata dalle quindici realtà italiane più importanti nell’ambito delle cure dei più piccoli e dei giovanissimi, servirà per fornire un quadro aggiornato dell’andamento dei ricoveri in età pediatrica e della gravità delle condizioni cliniche dei piccoli pazienti. Uno strumento di controllo che sarà utile al fine di fornire dati utili a prendere decisioni strategiche. Tra i parametri presi in considerazione nel monitoraggio, oltre alle fasce di età, c’è anche la percentuale di pazienti che hanno ricevuto il vaccino.

QS: Vaccini Covid pediatrici. Negli Usa su 8,7 milioni di dosi somministrate ai bambini tra i 5 e gli 11 anni gli eventi avversi segnalati sono solo 4.249 (0,05%), nel 97,6% dei casi non gravi

FIASO: 11 gennaio - Covid, infezione non significa per forza malattia - Il 34% dei pazienti positivi ricoverati non è malato Covid: non è in ospedale per sindromi respiratorie o polmonari e non ha sviluppato la malattia da Covid ma richiede assistenza sanitaria per altre patologie e al momento del tampone pre-ricovero risulta positivo al Sars-Cov-2. Uno su tre, dunque, sia pur con infezione accertata al virus Sars-Cov-2, viene ospedalizzato per curare tutt’altro: traumi, infarti, emorragie, scompensi, tumori.

I dati emergono da uno studio fatto da FIASO sui ricoveri di 6 grandi aziende ospedaliere e sanitarie: Asst Spedali civili di Brescia, Irccs Ospedale Policlinico San Martino di Genova, Irccs Aou di Bologna, Policlinico Tor Vergata, Ospedale San Giuseppe Moscati di Avellino e Policlinico di Bari. In tutto sono stati analizzati 550 pazienti ricoverati nelle aree Covid dei sei ospedali: un campione pari al 4% del totale dei ricoverati negli ospedali italiani. La rilevazione è stata effettuata in data 5 gennaio. Dei complessivi 550 pazienti monitorati, 363 (il 66%) sono ospedalizzati con diagnosi da infezione polmonare. Mentre 187 (il 34%) non manifestano segni clinici, radiografici e laboratoristici di interessamento polmonare: ovvero sono stati ricoverati non per il virus ma con il virus.

8 gennaio – "Tutti vaccinati, Italia zona bianca e ricoveri ridotti a un quarto", la simulazione di Fiaso sul Sole 24 Ore - 'obbligo di vaccino per oltre 2,1 milioni di irriducibili over 50 ancora non immunizzati che scatterà da oggi (con multa dal 1 febbraio di 100 euro per gli inadempienti) potrebbe finalmente ridurre la platea degli italiani che rischiano di finire in ospedale. Ma cosa succederebbe se improvvisamente con un colpo di bacchetta magica tutti gli italiani, compresi gli under 12, fossero vaccinati? Ebbene lo scenario sarebbe completamente diverso da quello in cui ci troviamo oggi, con Regioni sempre più colorate di giallo che si avvicinano alle zone arancioni e agli ospedali che si riempiono di pazienti Covid. In particolare se oggi ipoteticamente il 100% degli italiani fosse immunizzato, con il booster per chi ha ricevuto le due dosi da più tempo, ci sarebbero 11.188 malati Covid in meno - da 14.642 a solo 3.454 (tutti vaccinati) - nelle corsie, che in pratica si svuoterebbero visto che i pazienti nelle terapie intensive crollerebbero da oltre 1400 (dato del 5 gennaio) a solo 120 (il 91,3% in meno), mentre quelli ricoverati nei reparti ordinari diminuirebbero da 13.232 a 3.334. In pratica un taglio complessivo delle ospedalizzazioni di circa tre quarti. Numeri che declinati anche a livello regionale porterebbero le percentuali di occupazione dei posti letto a livello nazionale all'1,2% nelle terapie intensive e al 5,2% negli altri reparti. Praticamente tutta Italia sarebbe bianca e lontanissima dalle zone gialle. A realizzare la simulazione per il Sole 24 ore è la Fiaso, la Federazione delle aziende sanitarie e ospedaliere, che rappresenta i manager che guidano gli ospedali, oggi di nuovo in trincea contro il Covid.

FMI: Reflections on a Healthy Society - The pandemic has raised questions about how we function as a society and what we should value as individuals. In our latest issue of Finance & Development, focusing on health and well-being, we hear from a diverse group of thinkers, policymakers, health experts, scientists, and academics--Michelle Bachelet, Jeffrey Sachs, K.K. Shailaja, Christian Happi, Kate Soper, and María del Rocío Sáenz Madrigal. They reflect on lessons learned from the pandemic as we seek to cultivate a more resilient world.

Read the entire article.

Lavoce.info:

L'inutile divieto di fare i tamponi nelle farmacie, Michele Pellizzari - Proteggere i consumatori è la ragione che giustifica la regolamentazione di professioni come quella di farmacista. Ma, in alcuni casi, rivedere le norme porterebbe benefici certi con rischi molto bassi, specie in pandemia.

Cosa significa "obbligo di vaccinazione", Massimo Greco - L’obbligo di vaccinazione è un’eccezione alla regola dell’autodeterminazione nelle cure e non può essere imposto con l’utilizzo della forza. La sanzione per i non vaccinati sta nei limiti e restrizioni previste per loro.

Due strade per ridurre i ricoveri in terapia intensiva, Antonio Traino - Per affrontare la quarta ondata di Covid, il governo ha deciso una sorta di lockdown mirato per i non vaccinati e l’obbligo vaccinale per chi ha più di 50 anni. Una simulazione permette di valutarne l’efficacia nel ridurre i ricoveri in terapia intensiva.

Ricoveri e decessi: la soluzione continua a essere il vaccino, Enrico Rettore - Nonostante una circolazione del virus favorita da minori restrizioni rispetto al 2020, i ricoveri e i decessi sono ancora sotto controllo grazie ai vaccini. Con così tanti non vaccinati, però, il numero attuale di immunizzati potrebbe non bastare.

I vizi dell'obbligo vaccinale e le virtù delle terze dosi, Marta Moroni e Cristiano Vezzoni - Il numero dei contrari al vaccino non è cresciuto nel tempo, ma nemmeno calato. L’introduzione di un obbligo probabilmente non spingerebbe questi “irriducibili” a vaccinarsi. Per evitare nuove ondate sarebbe meglio puntare sulle terze dosi.

Il Covid-19 fa male alla salute mentale dei giovani, Paolo Nicola Barbieri, Osea Giuntella e Silvia Saccardo - Il Covid-19 ha notevoli conseguenze sulla salute mentale dei giovani. I cambiamenti negli stili di vita rimangono anche dopo la vaccinazione. Crollata l’attività fisica, cresce il tempo passato davanti a uno schermo e aumentano i sintomi depressivi.

L'impatto del Covid sull'istruzione sembra essere stato simile per tutte le fasce sociali, Nicola Bazoli, Antonio Schizzerotto e Loris Vergolini - La chiusura delle scuole a causa del Covid, pur avendo avuto un impatto molto pesante sui livelli di apprendimento, sembra aver colpito in maniera piuttosto omogenea gli studenti appartenenti a classi sociali diverse. I risultati di uno studio.

Federalismi:

Paolo Maci L'obbligo vaccinale per il personale scolastico. Note a margine dei d.l. 111 e 172 del 2021

Ignazio Spadaro Green pass in Italia e all'estero, tra garanzie costituzionali e obbligatorietà vaccinale indiretta

Gestito e realizzato da Elabora.org