Ingresso abbonati

Username:  
Password:      

Le banche dati di Westminster
(Attualmente sono presenti 91.225 documenti)
  

>> Ricerca avanzata   >> Chiedi a noi

Prima Pagina

28/05/2024

MEF: G7 Stresa

Si è chiusa la riunione dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali del G7 di Stresa, al termine del quale è stato diramato il comunicato finale.

Nel corso delle undici sessioni di lavoro in occasione della riunione del G7 Finanze a Stresa, il Gruppo dei 7 ha affrontato un programma ambizioso. L'agenda comprendeva: frammentazione economica, intelligenza artificiale, sostegno all'Ucraina, tassazione internazionale, iniziative per l'Africa e agenda verde.

Prospettive e sviluppi globali: questioni relative al settore finanziario - Il G7 ha ribadito il suo impegno a favore di un sistema multilaterale libero, equo e basato su regole e a rafforzare la resilienza delle economie del G7. Il G7 si adopererà per valutare meglio l'impatto macroeconomico delle misure di politica industriale, della frammentazione economica, dei rischi di concentrazione del mercato e della sovraccapacità, promuovendo anche un dialogo tra i ministeri competenti.

Il G7 ha discusso il rafforzamento della resilienza dell'intermediazione finanziaria non bancaria (NBFI) e ha accolto con favore il successo del coordinamento transfrontaliero nel contesto dei crescenti rischi di attacchi informatici e delle possibili implicazioni per la stabilità finanziaria.

Intelligenza artificiale - L'intelligenza artificiale (IA) è un tema trasversale. Il G7 Finanze ha condiviso esperienze nell'economia e nel settore finanziario su come sfruttare il potenziale dell'IA mitigando al contempo i potenziali effetti negativi, comprese le divergenze tra Paesi avanzati e in via di sviluppo. Il G7 continuerà a lavorare sulla base di un'agenda politica condivisa sull'IA che comprende: l'impatto macroeconomico e gli scenari, le sfide di misurazione, l'impatto sulla politica fiscale e sulla stabilità finanziaria, le implicazioni sulle competenze richieste alla forza lavoro e la sostenibilità ambientale.

Sostegno all'Ucraina - Il G7 ha riaffermato il suo incrollabile sostegno all'Ucraina fino a quando sarà necessario, rimane impegnato nell'applicazione delle sanzioni per ridurre la capacità della Russia di condurre una guerra contro l'Ucraina, ha fatto progressi nelle nostre discussioni sulle potenziali vie per anticipare i profitti straordinari derivanti dai beni sovrani russi immobilizzati a beneficio dell'Ucraina, coerentemente con il diritto internazionale e con i nostri rispettivi sistemi giuridici, con l'obiettivo di presentare ai nostri Leader, prima del Vertice in Puglia di giugno, opzioni per fornire ulteriore sostegno finanziario all'Ucraina.

Cooperazione fiscale internazionale - L'attuazione della soluzione dei due pilastri è una priorità assoluta e il G7 ha confermato il suo impegno a portare a termine i lavori nell'ambito del Quadro inclusivo OCSE/G20 al fine di firmare la Convenzione multilaterale sul primo pilastro entro la fine di giugno 2024.

Sostegno ai Paesi vulnerabili - Il G7 ha riaffermato il sostegno alla riforma in corso delle MDB (Banche Multilaterali di Sviluppo), ha ribadito l'importanza della revisione dei CAF (Capital Adequacy Frameworks Reviews) e del buon esito delle ricostituzioni dei fondi concessionali (come l'IDA, International Development Association) - anche attraverso l'ampliamento della base dei donatori - e ha discusso le questioni relative alla governance delle MDB. La riduzione del rischio di sofferenza del debito è stata discussa esaminando le opzioni per rafforzare la resilienza dei Paesi a basso reddito e vulnerabili applicando un approccio multidimensionale di proprietà del Paese, in connessione con i pacchetti di sostegno FMI/MDB, e basato su tre pilastri (mobilitazione delle risorse interne, strumenti di finanziamento esistenti, flussi di finanziamento aggiuntivi e coordinamento dei creditori).

Iniziative per lo sviluppo con particolare attenzione all'Africa - Il G7 ha accolto con favore le iniziative della Presidenza con un'attenzione specifica all'Africa per quanto riguarda: la capacità di produzione farmaceutica attraverso l'acceleratore africano di produzione di vaccini (AVMA) di Gavi; la diversificazione dell'offerta e la transizione verso l'energia verde nei Paesi in via di sviluppo attraverso i progressi del partenariato RISE; l'Alleanza per le infrastrutture verdi in Africa (AGIA) della Banca africana di sviluppo per progetti di infrastrutture verdi trasformative nel continente.

Agenda verde - Il G7 ha ribadito l'impegno per la transizione verde e ha accolto con favore un Menu of Policy Options for a Just Transition Towards Net-Zero. Riconoscendo la necessità di affrontare il crescente divario di protezione assicurativa contro gli eventi legati al clima, il G7 ha anche accolto un Quadro di alto livello per la protezione pubblica.

Comunicato finale della Riunione dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali G7 (Stresa 23-25 maggio)

Gestito e realizzato da Elabora.org