Ingresso abbonati

Username:  
Password:      

Le banche dati di Westminster
(Attualmente sono presenti 91.225 documenti)
  

>> Ricerca avanzata   >> Chiedi a noi

Prima Pagina

07/05/2024

Consiglio UE: via libera nuovo patto di stabilità e crescita

Il 29 aprile il Consiglio ha adottato tre atti legislativi che riformeranno il quadro di governance economica e fiscale dell’UE.

L’obiettivo principale della riforma è garantire finanze pubbliche sane e sostenibili, promuovendo al contempo una crescita sostenibile e inclusiva in tutti gli Stati membri attraverso riforme e investimenti.

La riforma intende inoltre ridurre il rapporto debito/PIL e i disavanzi in modo graduale, realistico, sostenuto e favorevole alla crescita, proteggendo al tempo stesso le riforme e gli investimenti in settori strategici come quello digitale, verde o della difesa. Allo stesso tempo, il nuovo quadro offrirà uno spazio adeguato per politiche anticicliche e aiuterà ad affrontare gli squilibri macroeconomici esistenti.

Secondo le nuove regole, a tutti gli Stati membri verrà chiesto di preparare un piano strutturale di bilancio nazionale a medio termine che si estenderà su 4-5 anni, a seconda della durata della legislatura nazionale. Nei loro piani, gli Stati membri si impegnano a seguire un percorso pluriennale di spesa pubblica netta e spiegano come realizzeranno investimenti e riforme che rispondano alle principali sfide individuate nel contesto del semestre europeo, in particolare nelle raccomandazioni specifiche per paese.

La Commissione presenterà una “traiettoria di riferimento” per l’andamento della spesa netta agli Stati membri in cui il debito pubblico supera il 60% del prodotto interno lordo (PIL) o dove il disavanzo pubblico supera il 3% del PIL.

La traiettoria di riferimento tiene conto delle specifiche sfide di sostenibilità di ciascun paese e indica come gli Stati membri possono garantire che entro la fine di un periodo di aggiustamento fiscale di quattro anni, il debito pubblico venga messo o rimanga su un percorso plausibilmente discendente o rimanga a livelli prudenti nel corso del periodo medio termine.

Le nuove regole contengono due garanzie che la traiettoria di riferimento deve rispettare:

  • una salvaguardia della sostenibilità del debito, per garantire una riduzione minima dei livelli di debito pubblico e
  • una salvaguardia per la resilienza del disavanzo, volta a fornire un margine di sicurezza inferiore al valore di riferimento del disavanzo pubblico previsto dal trattato, pari al 3% del PIL, al fine di creare riserve di bilancio.

Gli Stati membri integreranno un percorso di spesa netta nei loro piani strutturali di bilancio nazionali a medio termine.

Il pacchetto è stato confermato con la sola astensione del Belgio - presidente di turno dell'Ue - sul regolamento relativo al coordinamento efficace delle politiche economiche e alla sorveglianza.

Nessuno dei 27 Paesi membri, quindi, ha votato contro la nuova governance economica. E tutti e 27, Italia inclusa, hanno votato a favore all'unico testo del pacchetto sul quale era necessaria l'unanimità.

La prossima tappa fondamentale di transizione al nuovo quadro sarà la presentazione del pacchetto di primavera del semestre europeo il 19 giugno, quando la Commissione fornirà orientamenti agli Stati membri per l’elaborazione dei rispettivi piani strutturali nazionali di bilancio a medio termine. Tali piani, che definiranno gli obiettivi di bilancio degli Stati membri, le riforme prioritarie e gli investimenti, dovranno essere presentati alla Commissione entro il 20 settembre 2024. (Segue)

 Regulation of the Council and the European parliament on the effective coordination of economic policies and on multilateral budgetary surveillance and repealing Council Regulation (EC) No 1466/97

Council Regulation amending Regulation (EC) No 1467/97 on speeding up and clarifying the implementation of the excessive deficit procedure

Council Directive amending Directive 2011/85/EU on requirements for budgetary frameworks of the Member States

Gestito e realizzato da Elabora.org